Fiat: per D'Amato la campana suona per tutti, Confindustria inclusa

Per affrontare la guerra economica in corso tra l’oriente che si espande e l’occidente che si ritrae”, spiega al Foglio, bisogna “lavorare di più, lavorare tutti”, rovesciando la vecchia parola d’ordine della sinistra sindacale.
Grazie al suo network di potere, ai giornali che controlla, ai rapporti di scambio con i governi e alla relazione preferenziale con la Cgil, ha soffocato le capacità di crescita del paese.
Vorrei, però, che sulle prime pagine dei giornali non ci fosse solo lui, ma una Confindustria e dei sindacati che affrontino seriamente la competitività del paese, questione centrale che la politica ignora, presa com’è in un dibattito autoreferenziale”.
Ma la Confindustria, che giustamente chiede agli altri riforme, dovrebbe mettere in campo la riforma che spetta a lei per prima: quella delle relazioni industriali e del mercato del lavoro”.

Fonte: www.ilfoglio.it

Fiat: per D'Amato la campana suona per tutti, Confindustria inclusaultima modifica: 2010-12-24T18:00:11+01:00da sandany8
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento