Erbe e colori: i piatti freddi dei nuovi chef

Le verdure di stagione diventano valore aggiunto per un carpione di lombetti di coniglio dove salvia, rosmarino e zucchine giocano un ruolo determinante, così come l’antica giardiniera di verdure al pomodoro fresco di San Marzano.
«Le capesante appena tiepide con l’anguria marinata nel brodo di zucchero, sale, miele, cardamomo, anice e coriandolo – spiega Eros – reggono magnificamente la bottarga di branzino e il croccante di riso al nero di seppia.
I germogli di insalata, grandi protagonisti: rucola rossa, ghiaccio, fiori eduli, per esaltarne la freschezza, il sale maldon, l’aceto xeres, punte di limone, poi sette, implacabili, fette di ricciola cruda e in pomodori datterino, il tutto aromatizzato con zenzero e bergamotto.
La stessa musica che va in onda al ristorante Mosaico, delle Terme Manzi, a Casamicciola di Ischia, dove Nino Di Costanzo continua in una cucina rigorosa, ma ricca di colpi di scena.

Fonte: www.corriere.it

Erbe e colori: i piatti freddi dei nuovi chefultima modifica: 2009-11-29T20:48:27+01:00da sandany8
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento