Una patente per tenere il cucciolo

Via l’«inutile black list, tra i quali razze semisconosciute» precisa il sottosegretario e corsi di preparazione e patentino per chi vuole tenere cani di grossa taglia e impegnativi, responsabilità penale per i padroni di cani che aggrediscono persone.
A quel tavolo Francesca Martini ha riunito associazioni, medici veterinari, aziende sanitarie, Regioni e enti locali, tutti gli attori di un settore che poi si troveranno a gestire le regole di convivenza tra proprietari di cani e non.
Poi la parte che un po’ difende anche i cani: divieto di ogni metodo di educazione all’attacco che stimoli l’aggressività come l’utilizzo di manicotti e bastoni, o l’uso dei collari elettrici.
In verità un disegno di legge molto simile, ma regionale, era stato presentato in Piemonte nel novembre del 2007, stabiliva appunto una serie di corsi per «cani e padroni buoni cittadini» e i controlli da parte dei veterinari fin dalla prima visita al cucciolo, oltre al registro di cani e padroni particolarmente a rischio, come persone con precedenti penali e proprietari di pit-bull.

Fonte: http://www.lastampa.it/lazampa/girata.asp?ID_blog=164&ID_articolo=1045&ID_sezione=339&sezione=News

Una patente per tenere il cuccioloultima modifica: 2009-05-16T23:35:25+02:00da sandany8
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento