Il papà del Web truffato online

UN PACCO – «Volevo comprare un regalo di Natale dal sito di un’azienda che mi sembrava ottima, ma che invece si è rivelata pessima.
Che aggiunge: «Ho addirittura provato a contattare il numero di telefono che compariva sul sito: mi ha risposto una voce molto gentile informandomi che il numero in effetti esisteva, ma aggiungendo, per dovere di correttezza, che non serviva allo scopo per il quale avevo chiamato».
Il professore del Mit di Boston chiede quindi che per i crimini sul web si applichino leggi più severe, già previste per altri tipi di reato, e che vengano stipulati degli accordi internazionali in grado di individuare facilmente i colpevoli e la loro provenienza: «A volte abbiamo bisogno di nuove leggi, ma in altri casi quelle che ci sono vanno benissimo, basta solo applicarle al web».
Con l’idea di creare uno spazio che permettesse ai ricercatori di condividere documenti elettronici, lo scienziato del CERN di Ginevra ha trasformato Internet e ha rivoluzionato il nostro modo di comunicare.

Fonte: http://www.corriere.it/documento/09_marzo_16/Tim_berners_9109107c-1250-11de-b45f-00144f02aabc.shtml

Il papà del Web truffato onlineultima modifica: 2009-04-24T14:36:01+02:00da sandany8
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento